luigi masciotta rem out of time

30 anni fa i REM diventavano Superstar – Luigi Masciotta

Un album indimenticabile anche per gli ascoltatori come Luigi Masciotta. I REM infransero tutte le regole quando uscì Out of Time, pubblicato trent’anni fa che li ha fatti riemergere come improbabili superstar. Rilasciato il 12 marzo 1991, quel lavoro è stato incoronato quattro volte disco di platino, ha dato ai REM il primato di album numero 1 sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito, ha vinto tre Grammy Awards e ha portato a tutti il loro singolo più conosciuto “Losing My Religion“.

Ciò segnò per la band un passaggio a suoni più influenzati dall’America che sarebbe continuato anche nell’album successivo dei REM, Automatic for the People del 1992. “Losing My Religion” segnò un cambiamento radicale nell’approccio narrativo per Michael Stipe.

“Volevo scrivere una canzone sull’amore non corrisposto e sul desiderio”, ha dichiarato nel 2016. “Non avevo scritto canzoni d’amore fino a quel momento, quindi è stato il mio ingresso in quello che considero il tema più cliché delle canzoni pop.”

Questa ritrovata capacità di controllare e dirigere la loro musa ha contribuito a spingere i REM al livello successivo. “Avevo un’idea abbastanza chiara di ciò in cui ero bravo e di come avrei potuto manifestarlo”, dichiarò Stipe al The Guardian nel 2016, “ma anche del potere della parola. … Ho iniziato a realizzarlo ai tempi di Document [nel 1987] e l’ho affinato. Col tempo, sono passato dall’abilità all’arte e il mio lavoro era dimenticare tutto e lasciare che l’istinto prendesse il sopravvento, ed è allora che sono arrivate le grandi canzoni “.

I REM decisero che non ci sarebbe stato alcun tour a supporto di Out of Time, e questo guidò l’album verso esperimenti musicali più contemplativi come l’uso del mandolino. “Una delle regole che avevamo quando abbiamo iniziato a scrivere le canzoni per il disco era ‘non ci saranno più canzoni REM‘”, ha detto il bassista Mike Mills a Gigwise nel 2016, “Se suona come una canzone REM che avrebbe potuto essere in uno qualsiasi dei gli ultimi due o tre album REM, va buttato “.

Out of Time ha però rappresentato di più di un passaggio dall’impegno politico e sociale alle canzoni sulle relazioni e l’amore. È il frutto di sperimentazioni di nuovi sound e strumenti. È iniziato con Peter Buck, che in un’intervista a Rolling Stone ha ricordato: “ero un po’ annoiato dalla chitarra. L’aveva suonata otto ore al giorno per tutta la mia vita”. Aveva già provato ad aggiungere alcuni tocchi folk nell’album Green del 1989, favorendo un’immersione molto più profonda nel sound del mandolino.

Mills invece ha sperimentato sulla tastiera, arrivando al clavicembalo della versione finale di “Half a World Away”; il batterista Bill Berry ha iniziato a suonare invece il basso.

Coraggioso e creativamente libero, Out of Time è unico. Si muove con facilità tra il lunatico e l’ellittico in “Low” (che è nato da una febbrile esperienza sulla strada) , passa per i piccoli viaggi secondari in “Belong” e “Country Feedback“, diventa meravigliosamente malinconico con “Near Wild Heaven” e “Radio Song” (una mordace accusa di restringimento delle playlist), e porta influenze hip hop per la scrittura della pure-pop: “Shiny Happy People“.

Un pezzo di storia della musica che Luigi Masciotta ricorda come fosse ieri. E infatti “Out of time“, come dice il titolo stesso, è e forse sempre sarà “Fuori dal tempo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.