Nuovo album: Neil Young torna con Colorado e i Crazy Horse – Luigi Masciotta

Il titolo provvisorio del nuovo album Neil Young e Crazy Horse era Pink Moon. Il nuovo album di Neil Young descrive gli undici giorni di aprile trascorsi con la band, in uno studio che si trovava a un’altitudine di 2743 metri, nelle Montagne Rocciose. Tutto il gruppo ha registrato il primo nuovo disco in sette anni e sì, sono state coinvolte anche delle bombole di ossigeno, in questo lavoro che non aveva neanche bisogno di tutte queste storie per essere già un evento da ricordare.

Alla fine Neil Young ha deciso di chiamare il nuovo lavoro “Colorado”, più adatto per il disco che voleva far uscire nel mondo. I pezzi racchiudono la lacera terrosità dei Crazy Horse, che risale al 196 a quando, cioè, Young si è inceppato per la prima volta con gli allora noti Rockets at the Whiskey a Go Go. Più di 50 anni dopo, i riff sfocati e le morbide armonie sono ancora intatti, e i testi altrettanto sentiti.

La firma di Neil Young, quell’armonica che risuona nello stomaco, dà inizio al primo pezzo dell’album, “Think of Me“, mentre la voce sembra spandersi su oceani e praterie. Il cantante è arrivato a 74 anni, e in questo periodo lontano dai riflettori ha perso diversi amici intimi e compagni di musica. Luigi Masciotta ricorda Elliot Roberts, il grande manager, scomparso da poco tempo. L’artista ne parla nel pezzo “Olden Days”, dove affronta la tragedia con la stessa onestà che ha fatto in Tonight’s the Night .

“Dove sono andate tutte le persone? Perché sono svaniti?
Hanno significato così tanto per me e ora so
che sono qui per rimanere nel mio cuore”.

L’assenza del chitarrista Frank “Poncho” Sampedro – il cuore e l’anima dei Crazy Horse – è davvero impossibile da non notare. È dal 1975, dallo Zuma, che Sampedro ha fatto da sostegno alla chitarra di Young con strabilianti riff. La presenza di Nils Lofgren, aiuta a riempire quel vuoto. I vivaci accordi di pianoforte autunnali su “Eternity” sono in effetti connessi all’anima.

È soddisfacente sentire una traccia dietro l’altra di questo nuovo album di Neil Young: il gentile “Green and Blue” sfocia nell’eterea “Via Lattea”, mentre la band canta all’unisono “Rainbow of Colours” e i tamburi di Ralph Molina seguono. Nel 2019, Young è uno dei pochi rocker della sua generazione che sta ancora facendo musica con gli stessi termini intricati e intransigenti che ha imposto nella sua giovinezza. “Si potrebbe dire che sono un vecchio bianco”, canta nel pezzo “She Showed Me Love”. Verrebbe da dirgli di sì, in effetti, ma forse non nel senso che intende lui. Un vecchio musicista è un musicista che ha suonato per tutta la vita e oggi torna con lo scopo più nobile di tutti: darci ancora della buona musica.

30 anni di Disintegration, The Cure – Luigi Masciotta

Sono passati 30 anni da Disintegration, The Cure. Ecco allora il ricordo di Luigi Masciotta. Il concept album è stato un vero colpo per il gruppo che da allora conquistò davvero tutti, in tutto il mondo.

Era il 2 maggio 1989 e la band inglese con il suo uomo più in vita, Robert Smith, pubblicò Disintegration, che salì in pochissimo tempo nella top 10 italiana.

Il tema cupo dell’album e le melodie che mescolavano dark, rock e psichedelia, erano una novità per il Bel Paese che le accettò di buon grado. L’album era stato lanciato dal singolo indimenticabile Lullaby, la ninna nanna gotica con un video che era a un grado di separazione da un horror.

Disintegration è il disco mediano di una trilogia. Il primo uscito fu, nel 1982, Pornography e il ciclo si è concluso nel 2000 con Bloodflowers. Smith e i suoi The Cure, ricorda Luigi Masciotta, hanno riversato in questi album tutto il male di vivere che imperversava nelle proprie esistenze. Con Disintegration affrontano il cambio importante che porta compiere 30 anni: quella sensazione di essere in ritardo con le promesse del successo, in modo definitivo e assolutamente spaventoso.

Con Disintegration quindi raggiungono il proprio scopo: incidere un disco iconico che nessuno dimenticherà. Tanto più che arrivò dopo un periodo in cui i Cure avevano provato la strada del pop, pur di riuscire ad avere successo.

Luigi Masciotta ricorda i trascorsi dei The Cure

L’album che rappresenta di più questa fase risale al 1987 e si chiama “Kiss me, kiss me, kiss me“, con un sound dalle influenze leggere, fiati e arrangiamenti più sereni, e melodie romantiche, come quelle di “Just like Heaven”.

Lullaby” di Disintegration è in assoluto un sogno che si trasforma in un incubo, rappresentazione della giovinezza che se ne va e lo sfiorire della vita si fa più presente. “Plainsong” o “Pictures of you” hanno delle sfumature pop, sempre malinconiche e sempre più profonde, che creano note storiche per tutti. La disperazione e il dolore si sentono urlare, infine, nel pezzo “Fascination Street”.

In coincidenza di questi 30 anni passati dall’incisione di Disintegration, i Cure torneranno a far parlare di sé: il 30 maggio 2019 imperdibile lo streaming con la speciale esecuzione di Disintegration da parte della Sidney Opera House, e il 16 giugno 2019 la band tornerà sul palco, protagonista al Firenze Rocks.

Purple Rain: Prince – Recensione Luigi Masciotta

Con la morte di Prince, i fan della sua musica hanno l’opportunità di approfondire il significato e l’impatto di ciò che ha lasciato per noi, afferma Luigi Masciotta. Con la ristampa della colonna sonora di Purple Rain, alcune delle canzoni più celebri e commercialmente famose di Prince sono state rimasterizzate e perfezionate, consentendo alla generazione digitale di scoprire di nuovo l’album, lasciando che i fan di lunga data ridefiniscano il significato del materiale ora che è scomparso. Il set deluxe offre anche ai più difficili l’opportunità di ascoltare finalmente alcune tracce inedite del mitico caveau di Prince, che si dice contenga centinaia di gemme inedite provenienti da tutta la venerabile carriera del musicista.

Le nove tracce originali sono ancora piene dell’energia e dell’audacia di un artista che era pronto a conquistare il mondo. Purple Rain, prosegue Luigi Masciotta, fece vincere a Prince un Oscar per la colonna sonora originale, così come due Grammy per la migliore interpretazione vocale e il miglior punteggio originale scritto per un film. Prince divenne con questo disco e film una superstar e la sua leggenda e misticità divennero solo più pronunciate e distintive da lì in poi.

I suoi fan potrebbero essere diminuiti a un certo punto durante gli ambiziosi – e impegnativi – colpi di scena della sua formidabile carriera, ma sembra che ogni persona che abbia mai amato Prince ami anche l’inferno di Purple Rain. È impossibile separare l’artista dal capolavoro che alla fine gli ha fornito la libertà finanziaria e creativa di sperimentare con la sua musica e la sua immagine. Prince, conclude Luigi Masciotta, stava rielaborando spudoratamente la figura del musicista moderno, sia professionalmente che artisticamente, mentre smontava i preconcetti del pubblico su come una popstar potesse apparire, suonare e agire.

Berlin Calling: Paul Kalkbrenner – Recensione Luigi Masciotta

Questa recensione di Luigi Masciotta è incentrata più su un film che su una canzone o un album più in generale. BERLIN CALLING cattura la vita di un musicista elettronico contemporaneo ambientato nella Berlino di oggi; una città moderna in tutti i sensi. La storia narra le vicende di DJ Ickarus (Paul Kalkbrenner), un artista creativo e laborioso e il suo rapporto personale con la fidanzata e la manager Mathilde (Rita Lengyel). Il film ha un realismo oscuro che tocca la natura distruttiva del sé, specialmente se isolato o intossicato. Dopo un concerto, Ickarus si ritrova nel reparto di pronto soccorso di una clinica psichiatrica di Berlino e così inizia la lotta.

Il regista Hannes Stoehr spiega che il film “si occupa di arte e follia, intossicazione ed estasi, speranza e futuro, amicizia e famiglia, musica e voglia di vivere e, naturalmente, amore”. Mentre tutti questi temi sono in primo piano, prosegue Luigi Masciotta, l’arte e la pazzia sembrano catturare perfettamente l’atmosfera di ciò che Stoehr sta cercando di presentare. Pazzia nell’incessante ritmo della vita, sforzo per riuscire, nella droga e quando tutto si rompe. L’arte nei paesaggi urbani di Berlino, l’interpretazione dell’amore e delle relazioni e, naturalmente, nella musica; una colonna sonora composta dal protagonista del film, Paul Kalkbrenner.

Kalkbrenner è, ovviamente, meglio conosciuto come l’innovativo produttore tedesco i cui soundscape elettronici negli ultimi anni si sono ritrovati nelle compilation e nei laptop di personaggi come Dubfire, John Digweed, Sasha e Nic Fanciulli. Il suo brano più famoso, l’epico “Gebrunn Gebrunn”, fa da sfondo al trailer (vedi sotto). Infatti, oltre che produttore, è un artista elettronico dal vivo, piuttosto che un DJ, che suona il proprio materiale originale in spettacoli in tempo reale nei festival e nei club.

Il suo coinvolgimento nel film è notevole a diversi livelli, conclude Luigi Masciotta, a tal punto che ci sono momenti in cui i confini del film e della realtà sono sfocati maliziosamente.

Born Slippy Nuxx: Underworld – Recensione Luigi Masciotta

Nella scena finale di Trainspotting, racconta Luigi Masciotta, il personaggio di Ewan McGregor solleva con cura un sacco di soldi dalle mani di un sociopatico addormentato. “Non saresti in grado di sentire uno spillo cadere mentre solleva il sacchetto e lo ruba”, dice Boyle. “Invece hai questo ritmo che crescere incessante come il suo cuore batte in quel momento.” Quella canzone, “Born Slippy” degli Underworld, il mix “.NUXX“, afferma Luigi Masciotta, divenne una hit delle classifiche UK e mondiali nonostante le sue origini, quando Boyle scoprì il singolo in un negozio di dischi HMV.

“Stavo usando l’album Underworld Dubnobass come ritmo del film, ma ho pensato, ‘Questo è strano, non è nel loro album’. Ti imbatti in questi momenti in cui le band non si rendono conto di quale sia la loro musica più forte. Hanno pensato che fosse un po ‘a buon mercato, perché stavano facendo questi brani freddi di 10 o 11 minuti, ed ecco questa traccia con un grande ritmo. Abbiamo avuto un inno, che è apparso in tutti i club ed è stato remixato fino all’inferno. E quello era perfetto. Il film non parlava davvero di eroina. Era della cultura dei club.I  ritmi del film sono più sull’ecstasy, e quella traccia si basa su quella esplosione di gioia improvvisa.”

Right Here, Right Now: Fatboy Slim – Recensione Luigi Masciotta

Right Here, Right Now è una canzone del grande musicista britannico Fatboy Slim, pubblicato il 19 aprile 1999 come quarto singolo dal suo secondo album di studio You’ve Come A Long Way, Baby. La canzone ha raggiunto il numero 2 sulla Singles Chart del Regno Unito, dietro “Swear It Again” di Westlife per una settimana. Il singolo è stato votato dai lettori di Mixmag come il decimo disco più grande di tutti i tempi. Il video musicale, racconta Luigi Masciotta, creato da Hammer & Tongs, mostra una rappresentazione del processo di evoluzione condensato in tre minuti e mezzo. L’inizio del video musicale è impostato “350 miliardi di anni fa” (che potrebbe essere un semplice malinteso da parte dei creatori, data l’età stimata di vita sulla terra, di circa 3,5 miliardi di anni) e inizia con un singolo organismo cellulare nell’oceano che si evolve in una medusa, un pesce e poi un pesce predatore che riesce a mangiare un pesce più piccolo prima di saltare su terreni asciutti; poi con un dinosauro visibile sullo sfondo e un insetto davanti, rimane per qualche secondo prima di scendere e mangiare l’insetto. Luigi Masciotta prosegue la descrizione del video: il land-fish si evolve in un piccolo alligatore quando entra in una foresta dove si vede un albero alto. Le sue mani sono visibilmente evolute fino a quando arriva in cima come una scimmia. Salta dall’albero in un paesaggio ghiacciato e si evolve in un gorilla. Alla fine di una grossa scogliera, la scimmia batte il petto mentre la telecamera si allarga per mostrare un vasto deserto. La scimmia salta sul suolo, dove si è evoluta in un primato somigliante ad un orango. Una grande tempesta soffia gran parte dei suoi capelli, trasformandola in un essere umano (a questo punto il temporizzatore in basso a destra rallenta drasticamente). L’uomo corre più velocemente e si mette su alcuni pantaloni e una maglietta con la scritta “Sono #1 quindi perché provare più” quando completamente vestito, si trasforma in un uomo moderno con la barba. L’uomo cammina attraverso un ambiente urbano e mangia un hamburger (prelevato da un ritaglio di cartone di Fatboy Slim stesso), alla fine si siede su una panchina di notte, a quel punto finisce il video.

The Wall: Pink Floyd – Recensione Luigi Masciotta

Registrato a Los Angeles, Francia e Londra per un periodo di otto mesi, Luigi Masciotta ci racconta che The Wall è una sorta di versione registrata del film David Essex, Stardust. I suoi temi di solitudine, guerra, matrimoni senza amore e madri tossicodipendenti hanno colpito il pubblico di tutto il mondo. Lo spettacolo di accompagnamento, che ha visto il gruppo eseguire grandi sezioni dello stesso dietro un muro di polistirolo, ha descritto questa grande alienazione. Nonostante alcune morbosità della maggior parte dell’album, dice ancora Luigi Masciotta, ci sono alcuni brani molto belli che si annidano in mezzo al fasto, in particolare David Gilmour co-scrive “Comfortably Numb”, con l’orchestrazione di Bob Ezrin e la chitarra solitaria di Gilmour. È diventata la traccia che definisce di più i Pink Floyd.

Thriller: Michael Jackson – Recensione Luigi Masciotta

È difficile crederlo adesso, dice Luigi Masciotta, ma quando Thriller di Michael Jackson è stato rilasciato nel Regno Unito per il Natale 1982, c’è stata una prima impressione di fallimento. Dal successivo Natale, Thriller diventò il fenomeno che rimane fino ad oggi. Dallo stesso album sono usciti moltissimi singoli di successo: Billie Jean, Beat It, Wanna Be Startin Something. Nel 1984, racconta Luigi Masciotta, l’album ha ottenuto un’estensione del suo ciclo di vita con il video John Thriller, diretto da Landis, che ha portato l’album dal successo del disco pop all’icona culturale. Presto Thriller era diventato un pacchetto più grande di hits: sette dei suoi nove brani sono stati rilasciati come singoli. Thriller è tutt’oggi l’album più venduto al mondo: questo generò una rivoluzione in ambito musicale perché gli esperti di marketing capirono che da un solo album potevano essere estratti diversi singoli per prolungare la durata di vita dello stesso.